Chupacabras

I chupacabras sono individui che prendono il web per una giungla dove nascondersi e tendere agguati al prossimo.

Si tratta di :

small_chupa– di personaggi che si spacciano per minorenni, militari, forze dell’ordine, politici, avvocati, nomadi digitali, personal trainer, fighters, ristoratori, naturopati, scienziati, chirughi, psicologi, ingegneri, filosofi, giornalisti, studenti di dottorato, personale di enti di ricerca, fisici, sudamericani, francesi, triestini, … , personaggi non corrispondenti a persone reali;
– di personaggi che accusano determinati autori di millantare titoli di studio che invece sono stati guadagnati in modo legittimo e verificabile;
– di laureati che si fingono analfabeti appassionati di scienza;
– di umanisti che si spacciano per ricercatori nel settore scientifico;
– di personaggi che si spacciano per giovani donne dai costumi più o meno discutibili;
– di complottiste che si spacciano per espatriate in altri continenti;
– di complottisti che si spacciano per espatriati e chiedono consulenza nel campo in cui dovrebbero essere competenti;
– di personaggi che, a causa della mancanza di virilità ed autostima, proiettano su autori percepiti come ostacoli ai propri piani le proprie paure di essere giudicati, perpetrando pratiche ossessivo-compulsive;
– di personaggi che affermano di sapere tutto ma poi chiedono consulenza sotto mentite spoglie per risolvere problemi personali;
– di personaggi che affermano di sapere tutto ma poi non riescono a risolvere i propri atteggiamenti ossessivo compulsivi
– di ultra-femministe che accusano ingiustamente determinati autori di essere corrieri della tratta delle bianche;
– di ultra-femministe che ritengono gli uomini responsabili dei propri fallimenti nella vita;
– di ultra-femministe capaci di vedere dei difetti solo negli uomini;
– di ultra-femministe che se certi lettori rimarcano errori e difetti nelle donne, vogliono vedere per forza dei problemi in suddetti lettori;
– di ultra-femministe che da un lato bisogna difendere i diritti delle donne e dall’altro si possono calpestare quelli di uomini di opinioni diverse dalle loro;
– di ultra-femministe incapaci di ammettere i propri errori;
– di ultra-femministe che si accompagnano a cyber-molestatori perché temono di non farcela da sole sul web;
– di ultra-femministe che si accompagnano a cyber-molestatori perché ritengono di poter fare qualche soldo in più;
– di ultra-femministe terrorizzate dal parto che scaricano i propri sensi di colpa per non aver ancora fatto figli dopo i 40 anni su autori che palesano il proprio amore per donne e bambini;
– di ultra-femministe che non denunciano le pratiche ossessivo-compulsive a danno di certi lettori perpetrate day cyber-molestatori ai quali queste si accompagnano;
– di ultra-femministe terrorizzate dal parto e piene di sensi di colpa per non aver ancora fatto figli dopo i 40 anni che si spacciano per ragazze madri che frequentano l’università;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi con la testa piena di metodi e tecniche che non sanno utilizzare e di cui ignorano l’effetto su chi sta dall’altra parte del PC;
– di personaggi che non si piacciono e si spacciano per giovani uomini dall’aspetto molto gradevole;
– di personaggi spudoratamente ispirati al Dr.S;
– pubblicitari, a maggior ragione per la promozione di business gestiti da personaggi inesistenti;
– nei quali ci si spacci per altre persone ossia a mezzo di furto d’identità;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, promuovono altri personaggi che agiscono sotte mentite spoglie;
– di personaggi che si infiltrano nelle communities online sotto mentite spoglie;
– di personaggi che pensano che per rendere più credibili le proprie false identità bisogna spararla la più grossa possibile;
– di personaggi che cercano di negare anche l’evidenza e far passare il prossimo dalla parte del torto;
– di personaggi che sono ossessionati dall’avere tutte le risposte e si spacciano per tutto ciò che non sono così da sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima passano il tempo a dare dell’ignorante e zoticone al prossimo;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima passano il tempo a dare dell’incompetente al prossimo;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima passano il tempo a denigrare e deridere, in incognito, opinioni e contenuti informativi diversi dai loro;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima usano tecniche di manipolazione mentale coercitiva per cercare di assoggettare quelle figure che li rendono insicuri;
– di personaggi che assecondano in tutto delle ultra-femministe per rendere accettabile la propria mancanza di virilità ed autostima;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima si ostinano a voler insegnare al prossimo come affrontare la vita senza prima intervenire sui propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima si ostinano a voler arrogarsi il ruolo di paladini della libertà senza prima intervenire sui propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di personaggi che essendosi arrogati il ruolo di paladini della libertà per compensare la propria mancanza di virilità ed autostima, prendono di mira e pungolano quegli autori rei, a loro avviso, di aver distorto l’informazione;
– di personaggi arrogatisi il ruolo di paladini della libertà che cercano di far passare per atti di eroismo le proprie pratiche ossessivo-compulsive perpetrate verso tali autori;

– di personaggi che per sopperire alla propria mancanza di virilità ed autostima si ostinano a voler insegnare al prossimo come usare il cervello senza prima intervenire sui propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di personaggi che affermano di essere grandi esperti di mente e cervello ma che poi non riescono a liberarsi dei propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di personaggi che, per sopperire mancanza di virilità ed autostima, passano tutto il giorno a cercare di cogliere in fallo particolari autori;
– di personaggi singoli creati a tavolino dove invece uno scrive gli articoli e l’altro si fa fotografare;
– di personaggi singoli creati a tavolino dove invece uno scrive gli articoli e l’altro è un attore che si presenta sotto falso nome;
– di personaggi che pagano degli attori per fornire consulenza sotto mentite spoglie senza avere titoli e qualifiche necessarie;
– di personaggi che braccano il prossimo su social media e forum;
– di personaggi che si infiltrano tra i contatti dei concorrenti sotto mentite spoglie, per rubare informazioni, “modellarne” le personalità o spillare loro denaro;
– di personaggi che indagano nella vita privata di particolari autori per modellarne degli episodi di vita e costruire nuove false identità con caratteristiche simili, al fine di infiltrarsi tra i contatti di tali autori e sperare di essere contattati;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di contattare particolari autori in più idiomi per darsi un tono e cercare di condizionarli;
– di personaggi che cercano di imparare i dialetti di particolari autori per contattarli sotto mentite spoglie e cercare di condizionarli;
– di personaggi che, non appena autori e navigatori nominano delle figure professionali stimate, cercano di contattarle sotto mentite spoglie;
– di personaggi che si infiltrano tra i contatti dei concorrenti sotto mentite spoglie per discutere di politica;
– di personaggi che suggeriscono ad altri blogger dello stesso settore di “modellare” questo sito;
– di personaggi che si ostinano a cercare di dimostrare che studiare non serve;
– di personaggi che, a forza di “modellare” un autore popolare, sembra che a parlare, scrivere non siano loro ma l’autore “modellato”;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che scrivono blog sotto mentite spoglie solo per affossare velatamente un autore perché credono che ci sia solo il loro modo di fare le cose;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, popolano social network con commenti negativi che potrebbero riguardare gli argomenti trattati da particolari autori o gli autori stessi, in modo da dissuadere questi ultimi dal continuare il proprio operato;
– di personaggi che prendono affermazioni decontestualizzate di certi autori e le presentano, sotto mentite spoglie, ad autori di fama nazionale ed internazionale al fine di smontarle;
– di personaggi che contribuiscono a blog sociali popolari per diffondere notizie divulgate da siti emergenti, modellandone lo stile;
– di personaggi che scrivono sui quotidiani online sotto mentite spoglie diffondendo le proprie visioni del mondo perché “chi ha il controllo dei mezzi di informazione ha il potere”;
– di personaggi che costruiscono svariati siti di informazione “libera” gestiti sotto mentite spoglie perché “chi ha il controllo dei mezzi di informazione ha il potere”;
– di personaggi che ammettono di aiutare i concorrenti di particolari autori sotto mentite spoglie;

– di personaggi che cercano di oscurare siti emergenti contribuendo all’aumento di popolarità di siti già in voga;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di mettere in cattiva luce quegli autori che sono bersaglio di cyber-molestatori, postando su siti emergenti dei commenti che rimarcano la paura di tali autori nel dover avere a che fare con figure anonime;
– di personaggi che incitano gli amici di un autore a seguire tutti i siti concorrenti al suo … tranne il suo stesso sito;
– di personaggi che controllano cosa i concorrenti leggono in internet;
– di personaggi che, tramite sotterfugi, installano spyware e malware nei PC dei propri contatti;
– di personaggi che, tramite sotterfugi, installano spyware e malware nei PC dei concorrenti per sapere in anticipo cosa faranno;
– di personaggi che, tramite spyware rubano gli articoli di determinati autori direttamente dal PC e se li pubblicano sui propri siti, anche quelli taroccati, o li suggeriscono a dei concorrenti;
– di personaggi che si offrono di scrivere articoli per altri blog al fine di inviare messaggi subliminali minacciosi nei confronti di particolari lettori;
– di personaggi che minacciano velatamente azioni legali sotto mentite spoglie;
– di personaggi ansiosi di punire il prossimo perché in realtà vogliono punire se stessi;
– di personaggi che per anni, sotto mentite spoglie, cercano di contattare in continuazione particolari lettori;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di contattare in continuazione particolari autori per paragonarsi ad essi;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di contattare in continuazione particolari autori “così li abituo alla mia presenza”;
– di personaggi che per aggirare le misure di protezione di particolari autori tentano di contattarli tramite i resoconti delle parole cercate per arrivare ai loro siti;
– di personaggi che per aggirare le misure di protezione di particolari autori tentano di contattarli componendo frasi con i titoli degli articoli pubblicati sui loro siti;
– di personaggi che vogliono essere liberi di contattare il prossimo sotto mentite spoglie;
– di personaggi che vogliono essere liberi di continuare a spacciarsi per qualcun altro;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che scambiano i propri atti di molestia come progetti che “gli ignoranti non sono in grado di capire e per questo ci odiano”;
– di personaggi che pensano che siccome gli imprenditori devono imparare a prendere rischi sempre più grandi, allora devono operare azioni minatorie sempre più grandi contro il sistema e contro autori/navigatori ritenuti ostacoli ai propri piani;
– di personaggi che siccome pensano che gli imprenditori devono imparare a prendere rischi sempre più grandi, sviluppano una vera e propria dipendenza – simile a quella per il gioco d’azzardo – nel compiere azioni minatorie sempre più grandi contro il sistema e contro autori/navigatori ritenuti ostacoli ai propri piani;
– di personaggi che siccome pensano che gli imprenditori devono imparare a prendere rischi sempre più grandi, si sfidano in prove di coraggio mirate a compiere azioni minatorie sempre più grandi contro il sistema e contro autori/navigatori ritenuti ostacoli ai propri piani;
– di personaggi cui piace spacciarsi per figure professionali stimate per avere voce in capitolo;
– di personaggi cui piace confrontarsi sotto mentite spoglie con figure professionali o individui che li rendono insicuri;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, se la prendono con figure professionali o individui che li rendono insicuri;
– di personaggi che cercano di capire in quali ideali credano, in quali figure si identifichino certi autori per cercare di condizionarli;
– di personaggi dei quali non si può nominare e/o criticare la categoria professionale che altrimenti puoi subire delle ritorsioni;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di comunicare sotto mentite spoglie con particolari autori cercando di modellarne altri per acquisire autorità, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché sostengono che faccia parte del gioco;

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a ronzare intorno a particolari lettori vita natural durante, sotto mentite spoglie, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “ce la devo fare, dovessi metterci una vita !”, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “finalmente ho trovato un modo per comunicare con loro !”, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “io lo voglio battere !”, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “sono più brava di lei e ci tengo a farglielo sapere”, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “questi vogliono prendere il nostro posto !”, nonostante rischino pene detentive;

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori perché “questa crede di aver vinto”;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “tanto non succede niente”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “vogliamo proprio vedere come farà a dimostrare che siamo stati noi !”
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, per dimostrare di avere tutto sotto controllo;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, per “non dargliela vinta”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, per dimostrare che “non si arrendono mai”;

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “lei è il nemico !”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “non è mica colpa nostra se non ci considerano dei concorrenti !”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “la correlazione non implica causalità.”
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, per “dimostrarle che anche un umanista può parlare di scienza”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie !particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “mi diverti con le tue reazioni”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “come posso fare per tormentarla ancora ?”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari
autori, nonostante rischino pene detentive, perché “tutto quello che scrivi lo useremo contro di te”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari
autori, nonostante rischino pene detentive, perché “non puoi nemmeno immaginare fin dove posso spingermi !”;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, per capire quali tecniche questi usino per sgamarli;

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a a cercare di contattare sotto mentite spoglie particolari autori, nonostante rischino pene detentive, perché “se lo pensa lo sta facendo deliberatamente !”
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a cercare di infiltrarsi tra i contatti di particolari lettori sotto mentite spoglie, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che non vogliono cancellarsi dai contatti di particolari autori nei quali si sono infiltrati sotto mentite spoglie né vogliono smettere di contattare certi autori sotto mentite spoglie perché “sarebbe come ammettere che siamo stati noi !”

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a voler cambiare il mondo senza prima intervenire sui propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di personaggi che nel più assoluto diniego si ostinano a negare che le proprie pratiche di molestia attuate sotto mentite spoglie sono causa di ansia e paura per determinati autori e, quindi, lesive per questi ultimi e perseguibili per legge;
– di personaggi che, messi di fronte alla possibilità di favorire o molestare un certo autore, scelgono la seconda opzione;
– di personaggi che rassicurano se stessi impiegando il proprio tempo a cercare errori negli articoli di un particolare autore;
– di personaggi che hanno il coraggio di esprimere il loro dissenso o la loro opinione su determinati autori e/o sui fatti da questi riportati solo sotto mentite spoglie;
– di personaggi che hanno il coraggio di agire solo sotto mentite spoglie perché hanno paura del confronto con autori ben più ferrati e competenti;
– di personaggi che hanno il coraggio di agire solo sotto mentite spoglie perché hanno paura di sbagliare in pubblico;
– di personaggi che negano che sia molto più facile agire sotto mentite spoglie che mettendoci la propria vera faccia;
– di personaggi che negano che sia molto più facile parlare di scienza traendo spunto da testi qualitativi in cui la terminologia scientifica è scarsa;
– di personaggi che, usando su se stessi delle tecniche coercitive di manipolazione mentale per sopravvalutare le proprie capacità, da una parte vogliono parlare di scienza sotto mentite spoglie senza averne la qualifica e dall’altra si ostinano a modellare autori di cultura scientifica per poter acquisire un’autorità paragonabile pur senza aver intrapreso lo stesso cammino educativo;

– di personaggi che, usando su se stessi delle tecniche coercitive di manipolazione mentale per sopravvalutare le proprie capacità, da una parte vogliono parlare di scienza senza averne la qualifica e dall’altra si lasciano terrorizzare dalle previsioni apocalittiche di catastrofi di proporzioni colossali effettuate da autori del mondo delle pseudoscienze e dell’antiscientismo più esasperato;
– di personaggi che, usando su se stessi delle tecniche coercitive di manipolazione mentale per sopravvalutare le proprie capacità, da una parte vogliono parlare di scienza senza averne la qualifica e mettersi a fare le pulci agli articoli di determinati autori per dimostrare che anche gli umanisti possono trattare argomenti considerati difficili e dall’altra manifestano la loro imbarazzante incompetenza considerando errori informazioni che invece sono corrette;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo dei paladini dell’intelligenza e della crescita personale e dall’altra divulgano sotto mentite spoglie gli articoli di certi autori di cultura scientifica nei quali credono di aver trovato degli errori ma che invece sono corretti;

 

 

– di personaggi che, a causa della mancanza di virilità ed autostima, proiettano su autori percepiti come ostacoli ai propri piani le proprie paure di essere giudicati, perpetrando pratiche ossessivo-compulsive;
– di personaggi che si costruiscono false identità perché con quella vera non riescono ad avere un pubblico che li osanni;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, si infiltrano tra i contatti di particolari lettori per inviare loro messaggi subliminali minacciosi ed ingiuriosi;
– di personaggi che infiltratisi sotto mentite spoglie tra i contatti di certi autori cercano di istigare tali contatti a provare risentimento verso suddetti autori;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, attaccano particolari autori tramite messaggi suggeriti e pubblicati dai contatti di questi ultimi;
– di personaggi che stanno tutto il giorno ad aspettare “una mossa dell’avversario”;
– di personaggi che stanno tutto il giorno a spulciare queste avvertenze per vedere se “l’avversario ha accusato il colpo”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie ed in incognito, bisogna “rispondere colpo su colpo per dimostrare di non avere paura”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie ed in incognito, bisogna “rispondere colpo su colpo per sorprendere l’avversario”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie ed in incognito, bisogna “rispondere colpo su colpo perché sul libro xyz c’è scritto che bisogna avere l’ultima parola per conservare l’energia personale”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie ed in incognito, bisogna “subito scaricare accuse e rimproveri ricevuti su qualcun altro perché sul libro xyz c’è scritto che così si può conservare l’energia personale”;
– di personaggi che “siccome l’assassino torna sempre sul luogo del delitto”, quando sgamati nel compiere azioni simili o corrispondenti a quelle citate, ripetono immediatamente la stessa azione perché “è l’ultima cosa che si aspettano”;
– di personaggi che “siccome l’assassino torna sempre sul luogo del delitto”, quando sgamati nel perpetrare azioni
ossessivo compulsive mediante false identità o furti di identità, ripetono immediatamente la stessa azione perché “è
l’ultima cosa che si aspettano”;

– di personaggi che spulciano queste avvertenze per andare a cercare di contattare tutto il giorno particolari autori, sotto mentite spoglie e nel più assoluto diniego, al fine di sentirsi potenti nell’avere una discussione con qualcuno che li fa sentire insicuri e li rifiuta;
– di personaggi che adducono un mare di scuse pur di continuare a perpetrare pratiche ossessivo-compulsive nei confronti di particolari autori, come il continuo tentativo di contattarli sotto mentite spoglie;
– di personaggi che ogni occasione è buona per affossare velatamente particolari autori;
– di personaggi che spulciano queste avvertenze per andare a cercare di contattare tutto il giorno, sotto mentite spoglie e nel più assoluto diniego, particolari autori per controbattere alle segnalazioni qui pubblicate, nonostante rischino pene detentive;
– di personaggi che stanno tutto il giorno a cercare di obbligare particolari autori a prestare loro attenzione;
– di personaggi che stanno tutto il giorno a verificare quale delle proprie false identità vengano sgamate;
– di personaggi che sono ossessionati dal pensiero di superare particolari autori nel loro campo di competenza pur senza averne la qualifica;
– di personaggi che usando su se stessi tecniche coercitive di manipolazione mentale per sopravvalutare le proprie
capacità, credono di avere la verità e si riuniscono in gruppi per condizionare sotto mentite spoglie le scelte dei navigatori perché vogliono cambiare il mondo;
– di personaggi che valutano le proprie capacità non per mezzo del confronto con autori ben più competenti e ferrati o con risultati a lungo termine, bensì usando su se stessi tecniche coercitive di manipolazione mentale e riunendosi in gruppi restii alla critica, alla continua ricerca di informazioni di ogni sorta per confermare le proprie convinzioni;
– di personaggi che vogliono rubare quanto di più caro a determinati autori;
– di personaggi che tramite sotterfugi lasciano intendere l’intenzione di spacciarsi per particolari autori;
– di personaggi che vogliono farci “il più male possibile”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, citano tra le proprie opinioni “non ci provare a farmi concorrenza”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, citano tra le proprie opinioni “non vivrai abbastanza per raccontarlo”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, alludono a rapimenti e persone scomparse;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano in continuazione di “ribaltare la frittata”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, provocano in continuazione particolari navigatori per capire se “lo sta leggendo o no ?”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, provocano in continuazione particolari navigatori perché “vediamo cosa fa se faccio così …”;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che, sotto mentite spoglie, prendono di mira e pungolano in continuazione particolari autori perché non riescono ad avere ragione;
– di personaggi che cercano di sdoganare le pratiche precedenti;
– di personaggi che scelgono degli sconosciuti e ne fanno dei nemici mediatici a loro insaputa;
– di personaggi che prendono di mira e pungolano degli sconosciuti vita natural durante, immaginandoli come esempi di crudeltà ed ostacoli ai propri piani;
– di personaggi che se uno non è vegetariano dev’essere per forza cattivo;
– di personaggi che bisogna rispettare gli animali ma un onnivoro si può pungolare in continuazione, anche sotto mentite spoglie, per obbligarlo/a a cambiare abitudini alimentari con tecniche coercitive di manipolazione mentale, anche provocando ansia e paura;
– di personaggi che vogliono vedere per forza il male nei pensieri ed azioni di determinati autori;
– di personaggi che “lo faccio perché so che ti da fastidio”;
– di personaggi che dichiarano di essere diventati “ricchi” in un modo e poi li trovi a farsi pagare pochi spiccioli per scrivere articoli su siti altrui;
– di personaggi che si vantano di rubare le migliori idee ai propri contatti;
– contenenti tecniche anti-competitor o di manipolazione mentale atte a vanificare gli sforzi degli autori o dei frequentatori del sito;
– contenenti tecniche di manipolazione mentale coercitiva per spingere autori o frequentatori del sito a compiere determinate azioni;
– di personaggi che usano i propri contatti come cavie per le tecniche di manipolazione mentale;
– di personaggi che usano caterve di false identità per pilotare i sondaggi online dei concorrenti;
– di personaggi che usano caterve di false identità per chiedere consulenza ed acquisire le strategie di particolari autori;
– di personaggi che scrivono in lingua straniera per aumentare i propri traffici, facendo tutto quello che c’è scritto prima;
– di personaggi che impiegano il loro tempo a reperire informazioni di ogni sorta perché ossessionati dal pensiero di essere fregati da qualcuno/qualcosa;
– di personaggi ossessionati dal pensiero di fregare un particolare autore, che poi si lamentano che le persone temono di prendere fregature in internet;
– di personaggi che si sentono potenti a passeggiare sotto mentite spoglie tra i contatti di particolari autori;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di portare dalla loro parte i contatti di certi autori;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di offrire consulenza ai contatti di certi autori;
– di personaggi che che si sentono potenti a perpetrare le azioni precedenti “sotto il naso”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché si sentono delusi da qualcuno, qualcosa;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché si sentono potenti nel fregare il “sistema”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché “vogliono cambiare il mondo”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché “lo fanno a fin di bene”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché si arrogano il ruolo di paladini della libertà;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché vogliono “cambiare la mentalità della gente”;

– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché si sentono investiti di un ruolo speciale nella società e per questo ritengono di essere immuni ad ogni eventuale provvedimento di natura legale;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché “non sei in grado di capire progetti dalla portata così grande”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché “mors tua, vita mea”;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché terrorizzati dall’idea di essere eclissati da certi autori;

– di personaggi che, sotto mentite spoglie, intimano a certi autori di lasciare il campo libero perché terrorizzati dall’idea di essere eclissati da tali autori;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché si sentono potenti nell’essere considerati elementi di disturbo e molestatori, sapersi infiltrati dappertutto e nel considerarsi sfuggenti;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che si sentono potenti nel credere di avere l’attenzione di particolari autori;
– di personaggi che si sentono potenti nell’immaginare di condurre fantomatiche battaglie mediatiche con autori che in realtà si fanno gli affari loro;
– di personaggi che si sentono potenti nell’immaginarsi grandi e coraggiosi guerrieri del web nascondendosi dietro ad un PC;
– di personaggi che si sentono potenti nell’immaginare di far perdere tempo a particolari autori;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché credono di avere la verità;
– di personaggi che giustificano le azioni precedenti perché credono che ci sia un unico modo di pensare;
– di personaggi che usano su se stessi tecniche di manipolazione mentale per convincersi della legittimità delle azioni precedenti;
– di personaggi che usano su stessi tecniche di manipolazione mentale per convincersi dell’invidia dei lettori che segnalano le azioni precedenti;
– di personaggi che usano su stessi tecniche di manipolazione mentale per convincersi che l’ansia e la paura provocata in determinati autori tramite perenni tentativi di contatto sotto mentite spoglie sia invece da attribuire alla paura che suddetti autori proverebbero nell’avere a che fare con il pubblico;
– di personaggi che si ritengono il bersaglio di ogni pensiero e parola di determinati autori;
– di personaggi che devi stare attento a cosa scrivi perché interpretano ogni cosa come un affronto personale;
– di personaggi che, usando tecniche coercitive di manipolazione mentale per convincersi di essere il bersaglio di ogni pensiero e parola di determinati autori, affermano con disperazione che segnalazioni simili o corrispondenti a quelle qui citate siano delle invenzioni;
– di personaggi che pur di sentirsi potenti ed importanti vogliono leggere delle accuse in ogni pensiero e parola di determinati autori;
– di personaggi che fanno la guardia agli articoli e interventi sui forum che effettuano sotto mentite spoglie per avere sempre l’ultima parola;
– di personaggi che si ritengono pacifici perché non usano la violenza fisica ma tecniche di manipolazione mentale coercitive per causare ansia e paura in determinati lettori;
– di personaggi che sotto mentite spoglie obbligano onnivori a diventare vegetariani/vegani con tecniche coercitive di manipolazione mentale;
– con linguaggio offensivo e turpe, a sfondo razzista o sessista;
– che istigano a delinquere o alla violenza, alla diffamazione, annessi e connessi;
– di personaggi che si installano e gestiscono dei forum solo per fornire gratuitamente dei materiali che i commercianti invece vendono;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di umanisti che, sotto mentite spoglie, si mettono a conversare con gli scientifici per sentirsi intelligenti;
– di umanisti che vedendosi surclassati in tutto e per tutto da particolari autori, si aggrappano all’unico appiglio rimasto ossia attaccare tali autori accusandoli di scrivere da cani;
– di personaggi che da una parte pretendono che le cose siano a pagamento e poi dall’altra le vogliono/distribuiscono open-source;
– di personaggi che da una parte se la prendono con le multinazionali del farmaco e dall’altra vendono pillole per dimagrire, per aumentare la massa muscolare e per l’impotenza;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo dei paladini della libertà e dei diritti degli animali, dall’altra promuovono il consumo di droghe illegali prodotte con lo sfruttamento sistematico di braccianti dei paesi poveri;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo dei paladini della libertà, dall’altra si ostinano a cercare di influenzare scelte ed azioni del prossimo con tecniche coercitive di manipolazione mentale;
– di personaggi che da una parte odiano le prediche, dall’altra si arrogano il ruolo di paladini della libertà pretendendo di insegnare e fare la morale al prossimo ed a particolari autori, cercando di contattarli in continuazione sotto mentite spoglie;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra dipendono morbosamente dalle azioni e parole di particolari autori;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra, per avere successo sul web, non possono fare a meno di modellare pesantemente azioni e parole di determinati autori;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra, per avere successo sul web, dipendono morbosamente dal confronto con azioni e parole di particolari autori per portare avanti i loro progetti con il senno di poi;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra, sotto mentite spoglie, non riescono a staccarsi da particolari autori e lettori;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra non riescono a staccarsi dai social network e dal web;
– di personaggi che da una parte si arrogano il ruolo di paladini della libertà e dall’altra conducono uno stile di vita da latitante passando il tempo a nascondersi dietro un PC e cambiando identità per non essere scoperti mentre contattano e pungolano il prossimo sotto mentite spoglie;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra sono talmente insicuri da passare gran parte del proprio tempo a cercare di dimostrare qualcosa a quegli autori percepiti come esempi di successo;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra sono talmente insicuri da passare gran parte del proprio tempo a cercare di fare qualcosa che possa “bruciare” a quegli autori percepiti come esempi di successo;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra sono talmente insicuri da scimmiottare in continuazione quegli autori percepiti come esempi di successo;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra manifestano atteggiamenti tipici degli adolescenti come l’incapacità di limitarsi nella continua sfida a tutto ed a tutti, ad esempio a coloro che manifestano opinioni e visioni diverse o che rappresentano un’autorità che immaginano come ostacolo alla propria libertà;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra passano il tempo a sfogare online il proprio senso di inadeguatezza nei confronti della vita offline prendendo di mira e pungolando sotto mentite spoglie coloro che reputano i responsabili del proprio insuccesso;

– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della libertà e della crescita personale e dall’altra inneggiano sotto mentite spoglie al possesso di esplosivi per cambiare il mondo per mezzo di una maggior forza nelle operazioni di negoziazione;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della libertà e della crescita personale e dall’altra si immischiano in questioni di politica estera, sotto mentite spoglie, mirando alla disgregazione e delegittimazione di Stati esteri di cui invidiano le particolari condizioni di agevolazione fiscale;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra ammettono di spaventare i navigatori di proposito;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della libertà e della crescita personale e dall’altra promuovono la violenza come mezzo per far valere i diritti delle persone;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della libertà e della crescita personale e dall’altra affermano di far parte di associazioni a delinquere;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra, prendendo di mira e pungolando sotto mentite spoglie coloro che reputano i responsabili del proprio insuccesso, realizzano che “è servito solo a farci scoprire !”;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra, prendendo di mira, pungolando e modellando sotto mentite spoglie coloro che reputano i responsabili del proprio insuccesso ed esempi di successo, realizzano che “è come aver ammesso che siamo stati noi !”;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra non hanno ancora sviluppato un’autonomia e senso di responsabilità tali da affrontare autori e lettori nel web con la propria vera identità;
– di personaggi che da un lato si arrogano il ruolo di paladini della crescita personale e dall’altra non hanno ancora sviluppato una capacità di auto gestione tale da evitare di trasformare in atti criminali la manifestazione di dubbi su fatti o autori;
– di personaggi che da una parte promuovono un’alimentazione salutare e la forma fisica, dall’altra inneggiano al cibo grasso ed all’obesità;
– di personaggi che da una parte promuovono un’alimentazione salutare e la forma fisica, dall’altra vantano epiche sbronze ed inneggiano al consumo smodato di alcol;
– di personaggi che da una parte passano il tempo a dare del selvaggio al prossimo e dall’altra si comportano come corpi che portano a spasso le proprie teste inneggiando alle abbuffate selvagge, al consumo smodato di alcol e di droghe illegali;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che, sotto mentite spoglie, da una parte se la prendono con autori rei, a loro avviso, di non giustificare con un numero sufficiente di fatti le proprie affermazioni, dall’altra, quando sorpresi in atteggiamenti palesemente irrazionali, si rifugiano nell’antiscientismo più esasperato per contrastare questi stessi autori;
– di personaggi arrogatisi il ruolo di paladini della libertà che da una parte attaccano autori rei, a loro avviso, di distorcere l’informazione e dall’altra passano il tempo a cercare di fregare il prossimo distorcendo la propria identità ossia spacciandosi per qualcun altro;
– di personaggi che da un lato ammettono di essere dei pessimi educatori e dall’altra si vantano di essere sulla bocca di qualcuno grazie a superate strategie di comunicazione;
– di personaggi che da un lato affermano di sapere tutto e dall’altra ammettono di commettere grossolani errori in campi nei quali non sono qualificati;

– di personaggi che da un lato si vantano della propria sconfinata competenza nel campo nelle neuroscienze e ne fanno continuo sfoggio, dall’altra non riescono a liberarsi dai propri disturbi ossessivo-compulsivi;
– di coloro che per fingere di non essere stati sgamati, continuano a perpetrare i fatti di cui sopra;
– di coloro che, appena vengono sgamati, corrono morbosamente a cercare di fregare qualcun altro;
– di coloro che, appena vengono sgamati, corrono a cercare di fregare qualcun altro, per verificare se possano essere sgamati di nuovo;

– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di far sentire in colpa chi li sgama nel compiere i fatti di cui sopra;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, si autosputtanano per non destare sospetti nel portare avanti le attività di cui sopra;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di farsi riconoscere da particolari autrici mentre compiono azioni simili o corrispondenti a quelle citate perché “invece ci fa un favore nel far vedere quante cose sappiamo fare e quanto siamo intelligenti e lei è solo invidiosa”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di farsi riconoscere da particolari autrici mentre forniscono consulenza sotto mentite spoglie senza averne la qualifica perché “invece ci fa un favore nel far vedere quanto siamo competenti anche senza qualifiche e la società ce lo riconoscerà”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, cercano di farsi riconoscere da particolari autrici mentre forniscono consulenza sotto mentite spoglie senza averne la qualifica perché “così le facciamo vedere quanto siamo competenti anche senza qualifiche e lei è solo frustrata”;
– di personaggi che cercano di farsi riconoscere da particolari autrici mentre forniscono consulenza sotto mentite spoglie perché “e io voglio esercitare la professione del medico senza avere la laurea in medicina e chirurgia”;
– di coloro che perpetrano velate campagne diffamatorie ai danni di chi li ha sgamati nel fare i fatti di cui sopra;
– di personaggi che sputtanano velatamente la madre di chi li ha sgamati nel compiere fatti simili o corrispondenti a quelli citati;
– di coloro che, una volta sgamati nel compiere fatti simili o corrispondenti a quelli qui segnalati, usano su se stessi tecniche coercitive di manipolazione mentale per convincersi che tali autori scelgono di pubblicare proprio quegli articoli che possano in qualche modo riferirsi a suddetti personaggi o attaccare suddetti personaggi;
– di coloro che, una volta sgamati nel compiere fatti simili o corrispondenti a quelli qui segnalati, usano su se stessi tecniche coercitive di manipolazione mentale per convincersi che tali autori siano esseri spregevoli e rabbiosi che attentano alla libertà del prossimo;
– di coloro che, una volta sgamati nel perpetrare i fatti di cui sopra da particolari autori, ne prendono informazioni decontestualizzate inventando campagne di diffamazione ai propri danni per cercare di ribaltare la situazione;

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

– di personaggi che, tramite sotterfugi, cercano di indurre particolari autori a compiere fatti simili o corrispondenti a quelli sopracitati per poter affermare che si comportano allo stesso modo;
– di personaggi che, infiltratisi sotto mentite spoglie tra i contatti di particolari autori, cercano di convincere tali contatti che chi segnala fatti simili o corrispondenti a queste segnalazioni se la stia prendendo in pubblico con i propri stessi contatti;
– di personaggi cui piace essere puniti;
– di personaggi che le provano tutte per bloccare e smontare segnalazioni di fatti come quelli di cui sopra;
– di personaggi che cercano di far credere che chi segnala atti corrispondenti o simili a quelli di cui sopra si stia immaginando tutto;

– di personaggi che cercano di far credere che chi segnala gli atti di cui sopra sia invidioso;
– di personaggi che usando su stessi tecniche coercitive di manipolazione mentale per legittimare le azioni di cui sopra, vogliono vedere una cospirazione nei propri confronti e negli individui che le segnalano dei persecutori che “ce l’hanno con loro”;
– di personaggi che perpetrando i fatti di cui sopra, rovinano la piazza a quei propri pari che portano avanti i propri progetti nel rispetto della libertà altrui;

– di personaggi che traggono ispirazione dalle segnalazioni sopracitate per importunare lettori ed autori;
– di personaggi che traggono ispirazione dalle segnalazioni sopracitate per riempire siti gestiti sotto mentite spoglie;

– di personaggi che vogliono far credere al pubblico che queste segnalazioni si rivolgano ad un’unica persona ovvero se stessi per dichiararsi vittime di particolari autori al fine di farsi pubblicità;
– di personaggi che fanno circolare credenziali su particolari autori di dubbia origine ed ottenute tramite sotterfugi;
– di personaggi che vogliono far credere al pubblico che queste segnalazioni si rivolgano ad una particolare azienda in modo da trascinare in tribunale determinati autori al fine di evitare di essere incriminati e continuare nelle proprie azioni di “destabilizzazione del sistema”;

– di personaggi che, sotto mentite spoglie, ringraziano “perché ci stai aiutando a perfezionare le nostre azioni di lotta al sistema”;
– di personaggi che, sotto mentite spoglie, inneggiano all’evitare di pagare le tasse così da mandare in malora il proprio Paese;
– di personaggi che vogliono far credere al pubblico che queste segnalazioni sono operazioni di marketing mirate a fare pubblicità a chi le scrive;

– di personaggi al corrente di azioni simili o che corrispondano alle precedenti che non muovono un dito per segnalarle e segnalarne gli autori a chi di competenza e sui propri siti;

 

Su tutti i siti del Dr. Simone Carozza i chupacabras verranno banditi.

Ricorda

Qualsiasi forma di contatto indesiderato ci venga perpetrato senza il nostro consenso e senza il nostro piacere rappresenta una molestia virtuale.

 

 

[Impara come difenderti dai chupacabras molesti recidivi]

 

Aggiornato il 27/09/2013